Terremoto e rimodulazione mutui, il caso Monte Paschi


Interrogazione del consigliere regionale Malaguti (Pdl): “La banca sta mettendo in difficoltà le famiglie”

da estense.com del 5 marzo 2013

malaguti 3Le rate sospese dei mutui per via del terremoto rischiano in alcuni casi di creare difficoltà alle famiglie con la ripresa dei pagamenti. A segnalare il problema con un’interrogazione alla giunta regionale è il consigliere Mauro Malaguti (Pdl), che cità il caso specifico del Monte dei Paschi di Siena, banca che a fine dicembre 2012, cioé in occasione della ripresa della emissione delle rate sospese, ha inviato una lettera ai propri clienti indicando una rimodulazione delle scadenze e prevedendo che le rate sospese fossero addebitate con scadenza di 20 giorni anziché mensile.

Malaguti nella sua interrogazione ricorda che gli accordi con gli istituti bancari, come riportato in più occasioni anche dal Commissario straordinario Vasco Errani, “stabilivano l’emissione delle rate sospese in coda al piano di ammortamento, senza oneri o interessi aggiuntivi”. Nel caso del Monte Paschi, con rimodulazione delle rate con scadenza a 20 giorni anziché mensile, Malaguti fa l’esempio di una famiglia con stipendio mensile di 1600 euro e rata del mutuo a 800 che si troverebbe ora costretta a pagare alla banca 2.400 euro ogni due mesi e aver solo 400 euro al mese per vivere, rischiando inoltre di incorrere nel procedimento giudiziario di vendita all’asta dell’abitazione se nopn fosse in grado di far fronte ai pagamenti.

“A un cliente in provincia di Ferrara recatosi recentemente presso una filiale per evidente difficoltà a sostenere i pagamenti ‘rimodulati’ – riferisce Malaguti – è stato rifiutato il ripristino della rateizzazione mensile”.

Il consigliere Pdl chiede quindi alla giunta regionale “come si giudichi, alla luce della contingente crisi economica ed in particolare delle difficoltà di ripresa nelle zone colpite dal sisma, la rimodulazione delle rate sospese praticata dal Monte Paschi di Siena ed eventualmente da altri istituti se vi fossero casi analoghi”, e “come si consideri possano famiglie già in forte difficoltà far fronte a pagamenti che comportano di fatto un 50% di incremento mensile della rata”. Malaguti chiede inoltre alla giunta di esprimersi su tale provvedimento “che mette in forte difficoltà proprio le famiglie duramente colpite dal terremoto, da parte di una banca che ha appena ottenuto ingenti somme di denaro pubblico, dal precedente Governo Monti, per ripianare i propri conti” e se al proposito non intenda avviare “dopo tutte le dichiarazioni di aiuto e solidarietà alle popolazioni colpite dal sisma da parte delle autorità regionali il cui presidente è anche Commissario straordinario per la ricostruzione, un confronto con la direzione del Monte dei Paschi di Siena al fine l’istituto ripristini immediatamente le rateizzazioni mensili nelle scadenze dei mutui e delle altre forme di finanziamenti in corso nelle province di Emilia Romagna, Lombardia e Veneto per le aree del ‘cratere’ causato dall’evento sismico”.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...