Ai Diamanti l’arte salvata dal terremoto


Anteprima sull’allestimento dell’esposizione “Boldini, Previati e De Pisis”
da Estense.com del 12\10\2012

Tre nomi su tutti e attorno a loro una piccola galassia che rappresenta duecento anni di arte figurativa a Ferrara. Un patrimonio sottratto alla distruzione del terremoto di maggio, che ha costretto Palazzo Massari a chiudere a tempo indeterminato i battenti. E con esso le gallerie le collezioni delle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea, del Museo Giovanni Boldini, del Museo dell’Ottocento e del Museo Filippo de Pisis.

In tutto ottomila opere, tra quadri, disegni e scultore, “sfollati” nei depositi di municipio ed Ercole d’Este. Poi l’idea di strappare quei capolavori a un possibile oblio, facendone una delle mostre di Palazzo Diamanti. Una mostra che acquista il significato della reazione contro alla distruzione di quattro mesi e che permette a ferraresi e turisti di poter ammirare quadri e sculture altrimenti destinate ai depositi.

“Nelle intenzioni del Comune di Ferrara e di Ferrara Arte inoltre – anticipa Lenzerini -, i capolavori in mostra diventeranno l’emblema della città: si sta infatti studiando una loro presentazione, dopo questa “prima” ferrarese, in altre sedi espositive italiane”.

Intanto le opere (ne sono state scelte 80 tra le migliaia a disposizione) saranno fruibili da sabato 13 ottobre 2012 al 13 gennaio 2013 sotto il titolo “Boldini, Previati e De Pisis. Due secoli di grande arte a Ferrara”. Tre nomi portanti, si diceva, con accanto una folta schiera di maestri ferraresi tra i più importanti artisti italiani dell’Otto e Novecento: Mentessi, Minerbi, Boccioni, Melli, Sironi, Funi.

L’allestimento parte dai dipinti provenienti dal Museo dell’Ottocento, con Gaetano Turchi (suo il “Tasso” nella parete di sinistra), Giovanni Pagliarani e Massimiliano Lodi. Si arriva dopo due sale ai primi ritratti di Giovanni Boldini, che sarà una delle figure di spicco del rinnovamento della pittura italiana e internazionale, prima nella Firenze macchiaiola e poi nella Parigi degli impressionisti. “Un ampio nucleo di capolavori di Boldini – spiegano le curatrici Maria Luisa Pacelli, Barbara Guidi e Chiara Vorrasi – attesterà il suo ruolo di indiscusso protagonista della Belle Époque: icone della sua ritrattistica come il Ritratto del piccolo Subercaseaux, Fuoco d’artificio, la Passeggiata al Bois de Boulogne o La signora in rosa, ma anche interni d’atelier, nature morte e vedute”.

L’altro grande protagonista della rassegna è Previati, con un “capolavoro simbolista” come lo descrive Chiara Vorrasi, “Paolo e Francesca”, contornato di ispirazione secessionista e futurista opera di Arrigo Minerbi, Aroldo Bonzagni, Umberto Boccioni, Roberto Melli e Annibale Zucchini. Di parete in parete si arriva poi a uno dei massimi esponenti di “Novecento”, Achille Funi, la cui mano ha dipinto le pareti delal Sala dell’Arengo del municipio.

Il percorso espositivo viene concluso a De Pisis. Sua “la sala più difficile da allestire”, come ammette Pacelli: “è stato impegnativo cercare di rappresentare tutte le tappe del percorso dell’artista con opere non scontate e che potessero dialogare tra loro”. Tra queste anche le tele provenienti dalla Fondazione Pianori e dal lascito di Manlio e Franca Malabotta. Ecco allora il passaggio dalle nature morte marine di ispirazione metafisica (“Le cipolle di Socrate”), alle quali De Pisis affida il suo personale addio a Ferrara, alle nature morte notturne delle passeggiate lungo la Senna, passando dai ritratti di efebi (“Allegro ai lirici”) fino ai quadri partoriti nella clinica dove venne ricoverato (“La rosa nella bottiglia”).

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...