Terremoto Emilia: ACER ristrutturerà 238 immobili a Ferrara

da Ferrara24ore.it del 30/10/12

Immagine di repertorioSarà l’ Acer a occuparsi della realizzazione degli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il ripristino post sisma degli alloggi di edilizia residenziale pubblica di proprietà del Comune di Ferrara.

La Giunta comunale ieri pomeriggio ha infatti deciso di delegare all’Azienda Casa l’intera procedura di progettazione, affidamento ed esecuzione dei lavori, incaricando la stessa Azienda di incassare e gestire direttamente i contributi concessi. In base al programma regionale approvato nei giorni scorsi la priorità sarà accordata agli interventi sugli edifici dichiarati temporaneamente o parzialmente inagibili, che, per quanto riguarda le proprietà del Comune di Ferrara ammontano a 238 immobili, per una spesa complessiva di 2.100.000 euro.

Imprese, domande per contributi dal 15 novembre al 15 maggio 2013

da Il portale della Regione Emilia – Romagna del 30/10/12

Posticipata l’apertura dei termini per richieste di fondi per immobili a uso produttivo, per ripresa d’attività o ricostituzione di scorte

Imprese, domande per contributi dal 15 novembre al 15 maggio 2013Si apriranno il 15 novembre i termini per le imprese che richiedano contributi per la riparazione, il ripristino, il miglioramento sismico e la ricostruzione di immobili ad uso produttivo distrutti o danneggiati, ma anche per la riparazione e l’acquisto di beni mobili strumentali all’attività e per la ricostituzione delle scorte distrutte o danneggiate.
Gli interventi dovranno dunque essere finalizzati alla ripresa e alla piena funzionalità dell’attività produttiva in tutte le componenti (fisse e mobili strumentali), al recupero a fini produttivi degli immobili e al mantenimento dei livelli occupazionali.

Lo stabilisce l’ordinanza del Commissario delegato alla ricostruzione, Vasco Errani ( n. 64 del 29 ottobre 2012), che ha posticipato l’apertura dei termini per la presentazione delle domande inizialmente fissati al 29 ottobre dall’ordinanza commissariale numero 57. Continua a leggere

Alla Pacinotti le donazioni dei clienti Cadoro

da Ferrara24ore.it del 30/10/2012

Si è tenuta stamane, presso la scuola Pacinotti, la cerimonia di consegna da parte dei dirigenti dei supermercati Cadoro al sindaco di Ferrara Tiziano Tagliani dell’assegno relativo alla donazione di 34.880 euro, frutto della raccolta organizzata dalla catena di supermercati.

A seguito del terremoto del maggio scorso, infatti, i supermercati Cadoro (presenti oltre che in Emilia Romagna, anche in Veneto e Friuli Venezia Giulia), si sono immediatamente attivati per un aiuto concreto alle popolazioni predisponendo, da subito, punti di raccolta di generi di prima necessità poi recapitati direttamente ai cittadini tramite la protezione civile e le prefetture.

In seguito è stata lanciata l’iniziativa “La tua solidarietà vale per due” , grazie alla quale Cadoro raddoppiava l’importo di un euro donato liberamente dai clienti a seguito della spesa effettuata. Continua a leggere

Terremoti, nasce il “Manifesto per la ricostruzione sostenibile”

da Greenreport.it del 29/10/2012

Purtroppo in un paese sismico come l’Italia il tema dei terremoti è sempre di attualità, il che dovrebbe indurre a convogliare risorse nelle attività di ricerca per la prevenzione, nell’edificazione realizzata con criteri antisismici e anche nella ricostruzione sostenibile nelle aree colpire dal sisma.

Naviga su questa rotta la manifestazione Smart cities a Bologna, è stato presentato un documento elaborato in collaborazione dal Coordinamento delle Agende 21 Locali Italiane e il comune di Ferrara, in seguito al terremoto che ha colpito a maggio i territori delle tre regioni del bacino padano, l’Emilia, la Lombardia, il Veneto.

L’obiettivo del “Manifesto per la ricostruzione sostenibile” è quello di trasformare le criticità in opportunità, di portare ricerca, innovazione e tecnologia, possibilità  professionali e di impiego. Continua a leggere

Una nuova casa per il Rione di Santa Maria in Vado

da Ferrara24ore.it del 27/10/12

 Immagine tratta dal sito della Provincia di FerraraFerrara – Ieri in Castello Estense è stata ufficializzata l’assegnazione di Casa di Stella dell’Assassino alla Contrada di Santa Maria in Vado.

Con il terremoto infatti la sede e gli spazi della Contrada hanno subiti danni gravissimi, che prevedono dei lavori di ristrutturazione e restauro complessi, per cui i membri del Rione si sono messi alla ricerca di una nuova collocazione della sua attività sociale ed aggregativa. Grazie all’impegno dell’assessore Aldo Modonesi si è individuato l’immobile sito in via Cammello a Ferrara. Continua a leggere

Terremoto: 5.000 aziende agricole restano a bocca asciutta

da Ferrara24ore.it del 25/10/12

Niente sostegno post-sisma né agevolazioni fiscali

Ferrara – Le aziende agricole emiliano romagnole danneggiate dal sisma dello scorso maggio non hanno ancora visto materializzarsi i finanziamenti promessi dal Governo ma – nel contempo – dovranno pagare oltre 400 milioni di tributi e contributi allo Stato. A denunciare la situazione la Coldiretti Emilia Romagna, che ha ha scritto al presidente della Regione Emilia Romagna e commissario per il sisma, Vasco Errani, e a tutti i parlamentari della regione, sollecitando un intervento per modificare il disegno di legge “Stabilità”, che verrà discusso domani e che contiene disposizioni in favore delle zone terremotate. Continua a leggere

FERRARA partecipa a SMART CITY EXHIBITION 2012 – Bologna Fiere 29-30-31 ottobre

Lunedì 29 ottobre  ore 16.00 – 18.00

Sisma 150 giorni dopo: ricostruzioni veloci, sostenibili, intelligenti / 150 days after the earthquake: fast, smart, sustainable rebuilding

In collaborazione con Protezione civica e Agenda 21

Coordina: Riccardo Luna, Giornalista

All’evento partecipano anche:

Rossella Zadro, Assessore Ambiente ed Energia, Comune di Ferrara

Aldo Modonesi, Assessore ai Lavori Pubblici, Mobilità e Protezione Civile, Comune di Ferrara

Per consultare l’intero programma dei lavori clicca qui

Le imprese, i cittadini e le istituzioni, insieme per raccontare le soluzioni anche innovative che sono nate dalla ricostruzione, le storie e i dati come testimonianza di un esemplare agire civico.

Protezione civica, il portale che ha raccontato la ricostruzione a partire dai dati e dalle piccole azioni, é un tesoro di belle storie che saranno narrate da amministratori e protagonisti.

Il convegno prosegue idealmente i lavori iniziati il 6 luglio a Ferrara, dove si sono riuniti Sindaci e Assessori per parlare di come ricostruire, affrontando il terremoto come una sfida per migliorare il territorio in termini di sostenibilità ambientale e sociale. Trasparenza, “come era e dove era” sono tra le tante parole chiave raccolte nel “Manifesto per la ricostruzione sostenibileà elaborato a partire dai contributi che tutti generosamente hanno fornito in quella giornata.

Businesses, citizens and institutions together to relate the innovative solutions adopted during the reconstruction, the stories and the data as evidence of an exemplary civic act.

Civic protection, which recorded all stages of intervention, is a treasure trove of beautiful stories that will be told by public administrators and people involved.
The Conference continues ideally the work began on July 6th in Ferrara, where Mayors and Councilmen gathered together to discuss how to rebuild the city after the earthquake, improving the territory in terms of environmental and social sustainability. Transparency, “as it was and where it was” are among the many key words collected in “Sustainable reconstruction Manifesto” drawn up from contributions collected that day. Continua a leggere

Il Comune rientra nel cratere sismico, azzerati i tagli della spending review

da QN – Il Resto del Carlino del 26/10/2012

La comunicazione dell’Anci, boccata d’ossigeno di tre milioni

Il Comune di Ferrara rientra nel ‘cratere’ delle amministrazioni terremotate, e schiva i tagli della spending review e della legge di stabilità. Per il bilancio pubblico, si tratta di una boccata d’ossigeno da oltre 3 milioni di euro, che consentirà probabilmente di arginare l’aumento dell’Imu. Il provvedimento, su cui il sindaco Tiziano Tagliani si mostra ancora prudente, è legato in ogni caso ad un’interpretazione che l’Anci, l’associazione dei Comuni d’Italia, ha verificato in questi giorni con i ministeri dell’Economia e degli Interni: «Da tempo ritenevamo di essere penalizzati – spiega Tagliani -, visto che già con il varo della ‘spending review’ e da ultimo con la nuova legge di stabilità, ci siamo ritrovati esclusi dai vantaggi che spettano alle amministrazioni inserite nel cosiddetto ‘cratere’ del terremoto. Abbiamo perciò sollecitato un chiarimento attraverso l’Anci, oltre ad avere informato i nostri parlamentari». Continua a leggere

Certosa, riapre il primo claustro

da La Nuova Ferrara del 26/10/2012  

Il 15% dell’area rimarrà però ancora inagibile a lungo, interventi per un milione

I tecnici alla Certosa durante il sopralluogo

Per le imminenti giornate della commemorazione dei defunti un’altra importante settore della Certosa monumentale di Ferrara aprirà al pubblico. E’ il primo grande claustro di origine quattrocentesca, quello che ha subito maggiormente i danni delle scosse sismiche del maggio scorso. Con un intervento di 100.000 euro, presi dal bilancio Amsefc, si è creato un camminamento accessibile al pubblico. Purtroppo le gravi lesioni subite in una parte del colonnato – come spiegano Lucci e Casadio dell’Amsefc – non consentiranno l’accesso almeno nel 15% dell’interna superficie della Certosa, che resterà inagibile. In particolare è stata colpita anche l’Area Massari, quella che confina proprio con quel colonnato che già si trovava in precarie condizioni ancora prima delle scosse di terremoto. «Bisognerà effettuare un lavoro molto delicato – commentavano ieri mattina i tecnici durante un sopralluogo – soprattutto perché l’area è molto pericolante. Stando ai primi calcoli, l’intervento di riordino della Certosa costerà alle case comunale circa un milione di euro. Continua a leggere