“Un Arcobaleno per Ferrara”: show a Asti per il nuovo nido


QN – Il Resto del Carlino del 11/06/2012 ed. Ferrara p. 6


Un delegazione dell’Asti Tchoukball posa con Anna Rosa Fava, portavoce del sindaco di Ferrara

E’ iniziato con un brano non proprio ferrarese («O Sole Mio») il concerto che i musicisti di Asti hanno organizzato, d’intesa con il Comune piemontese, in segno di solidarietà con la città di Ferrara. Il progetto, ribattezzato «Un Arcobaleno per Ferrara», è stato lanciato dal neo eletto sindaco dell’amministrazione astigiana Fabrizio Brignolo. L’esponente del centrosinistra, eletto proprio all’indomani del terremoto, ha deciso infatti di trasformare la festa elettorale in una iniziativa di solidarietà: incentrata sulla ricostruzione, da parte del Comune estense, di una scuola d’infanzia ed in particolare di quella che dovrà prendere il posto dell’Aquilone di viale Krasnodar, inagibile e irrecuperabile. Al concerto hanno assistito l’assessore Luigi Marattin e la portavoce di Tagliani, Anna Rosa Fava.

Lo stand allestito in piazza San Secondo per la raccolta fondi.

Domenica prossima il sindaco di Asti Brignolo sarà in città per il Palio e per consegnare la prima somma raccolta durante l’iniziativa.

Annunci

2 thoughts on ““Un Arcobaleno per Ferrara”: show a Asti per il nuovo nido

  1. Una iniziativa di lodevole pregio, da esportare in più città e scuole, non solo per aiutare a ricostruire, ma pure per poter creare gemellaggi tra città più saldi e non solo basati su scambi di “gonfaloni” e nomi.
    Un dubbio soltanto mi sorge… questa iniziativa esce dopo le scosse del 20 maggio… ma la scuola in questione era già in fase di affondamento prima di questo sisma… l’iniziativa si pone come ricostruzione di una scuola inagibile e irrecuperabile… spero non sia stata “venduta” come inagibilità da sisma perchè la figura sarebbe leggermente … ehm perdonatemi..bieca.

    Speriamo però di poter avere altre iniziative simili! Grazie Asti.

    • La scuola Aquilone aveva, prima della scossa del 20 maggio, problemi nell’area utilizzata dal centro bambini e genitori (Le Millegru) mentre continuava ad essere agibile ed utilizzata l’ala della scuola dell’infanzia l’Aquilone.
      Dopo il terremoto del 20 hanno dichiarato inagibile tutta la scuola e i bambini sono stati trasferiti in altri edifici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...