Incontro promosso dalla Fondazione Ermitage Italia, martedì 3 luglio ore 16.30




INCONTRO-TAVOLA ROTONDA
TERREMOTO E PATRIMONIO CULTURALE: I DANNI E LE PROSPETTIVE PER IL RECUPERO


Martedì, 3 luglio 2012 alle ore 16. 30
Ferrara,  Fondazione Ermitage Italia, in c.so Giovecca 148, Ferrara


A poche settimane dal terremoto che ha colpito duramente l’Emilia, la Fondazione Ermitage Italia, facendo propria un’esigenza fortemente sentita tra gli studiosi italiani e stranieri,
promuove un incontro per dar voce a chi in queste delicate fasi è impegnato nella ricognizione del territorio e nel difficile compito di quantificare
i danni arrecati al patrimonio d’arte e di storia
, cercando di porre i primi rimedi con le forze e le risorse economiche al momento disponibili.

Martedì 3 luglio alle ore 16. 30 presso la sede della Fondazione Ermitage a Ferrara, si terrà dunque un appuntamento di straordinario interesse,
coordinato dalla direttrice Francesca Cappelletti, per capire, condividere e confrontarsi sull’emergenza attuale e sulla progettualità futura. Continua a leggere

Registrazioni dell’incontro del 12 Giugno sui recenti eventi sismici in Emilia

Esperti a confronto su cause e danni del terremoto in Emilia.

Conferenze tenuta il 12 giugno 2012 presso il Museo di Storia naturale di Ferrara.

E’ disponibile la registrazione audio degli interventi di ciascun relatore che ha partecipato all’incontro di martedì 12 Giugno al Museo di Storia Naturale sulle cause e gli effetti del sisma in Emilia Romagna.

1° intervento: Prof. Marco Stefani, docente di Geologia all’Università di Ferrara

Temi affrontati:

min 0.00- 06.22 Cosa sono e come avvengono i terremoti

min. 06.23 Tipi di faglie, fratture e rocce

min.07.55 Il terremoto “compressivo” (tipologia in cui rientra quello avvenuto in Emilia)

min. 10.53 Cosa sta succedendo sotto i nostri piedi?

min. 20.06 I danni a Ferrara

min 32.05 Domanda dal pubblico: Perché è importante la manutenzione delle fogne per la stabilità di un edificio?

min.34.13 Intervento Prof.Nasser sull’erosione della sabbia e la fuga dell’acqua dai tombini

min.36.26 – 39.53 Approfondimento del Prof. Bondesan sui tipi di sedimenti che caratterizzano il suolo su cui è edificata Ferrara Continua a leggere

“COSA C’E’ SOTTO? Il terremoto a casa mia”. Il sisma spiegato ai bimbi

È stato realizzato nel tempo record di undici giorni – dall’idea alla stampa delle copie – il libro “Cosa c’è sotto? Il terremoto a casa mia”, un volume pensato per aiutare i bambini ad affrontare e a superare il sisma, il cui ricavato sarà interamente devoluto per la ricostruzione della scuola primaria “Dante Alighieri” di Mirandola.

Non è facile spiegare ai bambini cosa succede quando c’è un terremoto, non è facile riuscire a trasmettere loro la calma e la serenità necessarie ad affrontare e superare l’evento, e soprattutto non è facile rispondere alla domanda “perché”?
Questo libro, nato in seguito agli eventi sismici che hanno colpito l’Emilia nel 2012, prova a invertire le parti, immaginando un bambino che spiega – a se stesso prima di tutto – il fenomeno del terremoto, e a piccoli passi, con l’aiuto della scienza e della fantasia, impara a convivere con “lui”. Continua a leggere

Cesare Picco – Piano Calling

5 Luglio 2012
Ferrara
Giardino delle Duchesse
ore 21.30

CESARE PICCO

Ha iniziato giovanissimo lo studio del pianoforte. Nel corso degli anni si è staccato dalla musica classica tradizionale per spaziare tra diversi generi musicali, creando un personale linguaggio non semplicemente ascrivibile al jazz, alla musica classica o a quella contemporanea. Suona il tutto il mondo dal 1986. Da allora oltre all’attività di strumentista, si dedica alla composizione. Artista di grande versatilità, collabora in questi anni con artisti quali Naseer Shamma, Nino Josele, Yukimi Nagano, Hajime Mizoguchi, Giovanni Sollima, Edmar Castaneda, come con Luciano Ligabue, Giorgia, Samuele Bersani, Pacifico, Ferruccio Spinetti. Piano Calling è il suo ultimo album. www.cesarepicco.com

Continua a leggere

Nota della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento di Protezione Civile. Fissato a sabato 7 luglio il termine per la presentazione delle istanze di sopralluogo

(A cura della portavoce del Sindaco)
Si allega la nota della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento di Protezione Civile di Roma del 27.6.2012 con la quale viene fissato al 7.7.2012 il ‘Termine della presentazione delle istanze di verifica degli immobili danneggiati a seguito dei sismi del 20 e 29 maggio’.
A seguito degli eventi sismici del 20 e del 29 maggio u.s. che hanno interessato i territori dell’Emilia Romagna, Lombardia e Veneto è stata avviata l’attività tecnica di verifica degli immobili danneggiati sulla base delle istanze presentate dai cittadini.
Allo stato, relativamente alla sola Emilia Romagna, dette verifiche hanno comportato la compilazione di circa 18.000 schede Aedes che, secondo le procedure previste dal DCPM 5 maggio 2011, forniscono il quadro del danno e l’esito di agibilità relativa agli edifici esaminati.
Tenuto conto del tempo trascorso dagli eventi sopra citati e considerato che si rende necessario disporre del dato complessivo relativo allo stato di agibilità del patrimonio edilizio ad uso abitativo al fine di consentire l’avvio delle successive azioni di assistenza della popolazione, d’intesa con il Presidente della Regione Emilia Romagna, Commissario delegato ai sensi del DL 74 del 6 giugno 2012, è fissato al giorno 7 luglio p.v. il termine della presentazione delle istanze di sopralluogo da parte dei cittadini. Si invitano codesti centri provinciali ad inoltrare con urgenza la presente comunicazione ai Comuni per consentire la tempestiva e puntuale informazione alla popolazione. (Il capo del dipartimento Protezione Civile Franco Gabrielli)

Consulta il sito

Sisma: tutti i dati del Coordinamento Provinciale aggiornati al 25 giugno

da Ferrara24ore.it  del 26 giugno 2012

Ferrara – Il Comitato di Coordinamento Provinciale ha comunicato i dati, aggiornati al 25 giugno, relativi al numero delle persone tuttora ospitate nei campi di accoglienza allestiti dopo le due scosse di terremoto del 20 e 29 maggio scorsi, a quanti alloggiano negli alberghi messi a disposizione e alla quantità dei sopralluoghi chiesti ed eseguiti nelle abitazioni. Partendo dal primo dato, 41 persone sono ospitate nel campo sportivo di Alberone e 549 nel Centro Santa Liberata nel territorio centese. Nel comune di Sant’Agostino sono 45 gli ospiti del Pala Reno e 186 nel Centro sportivo San Carlo. Passando a Vigarano Mainarda, si contano alla data del 25 giugno 63 persone nel Pala Vigarano. Sono inoltre 30 le persone ospitate alla scuola media di Bondeno, 27 nel campo sportivo di Pilastri e 19 nei vagoni allestiti nello scalo merci della stessa località matildea. Nel comune capoluogo sono tre le strutture allestite per accogliere coloro che hanno dovuto lasciare la casa per motivi di sicurezza: il complesso di Darsena City, che conta 133 persone, la casa senza frontiere, con 8 ospiti, e l’Ostello di Ferrara con 4 persone. In tutto, quindi, 1.105 le persone che hanno dovuto lasciare le proprie abitazioni e attualmente ospitate nei campi allestiti. Continua a leggere

IERI a Ferrara- Sergio Rizzo: terremoti, abusivismo e corruzione in Italia

Rizzo: “Sono state scosse particolari”

da La Nuova Ferrara del 28 giugno 2012

FERRARA – «Un evento come quello del terremoto che ci ha colpiti – ha esordito ieri il sindaco Tiziano Tagliani durante l’incontro pubblico in municipio con il giornalista Sergio Rizzo del Corriere della sera a cui era presente anche il prefetto Provvidenza Raimondo – comporta molte criticità da cui derivano richieste penalizzanti, ma ha portato a Ferrara anche Rizzo che ci metterà di fronte alla drammatica situazione nella quale si trova il Paese destinato ad una conflittualità sociale sempre in aumento». Il relatore attraverso un video quanto mai esplicativo ha denunciato il livello a cui siamo arrivati mettendo sotto accusa prima di tutto l’uomo e poi la violenza che continua a riservare alla natura consumando in modo abnorme il suo suolo. «Il terremoto dell’Emilia è stato particolare – ha sottolineato Rizzo – perché ha colpito gli edifici antichi, ma soprattutto perché ha fatto crollare i capannoni moderni. Fino al 2003 la Pianura Padana non era considerata zona sismica, adesso lo è diventata perché si riconosce questa caratteristica ad un territorio solo dopo l’evento. Continua a leggere

Da domani torna il cinema sotto le stelle

La Nuova Ferrara del 28/06/2012

Domani sera inizia la settima edizione del cinema all’aperto. Quest’anno l’arena verrà realizzata presso il Parco di pertinenza di Palazzo Diamanti (ingresso da via Dosso Dossi 8) grazie alla collaborazione di Ferrara Arte. Un po’ di numeri: 400 sedie, 48 film, 59 serate per 120 ore di proiezione. Anche quest’anno l’arena garantirà una presenza costante dell’offerta cinematografica durante la chiusura estiva dei cinema tradizionali. Come sempre la programmazione ospiterà i film di maggior successo della stagione. Ad aprire il cinema all’aperto sarà il pluripremiato “The artist”, film che ha sbancato all’ultima edizione degli Oscar (miglior film, miglior regista Michel Hazanavicius, miglior attore protagonista Jean Dujardin, migliori costumi e migliore colonna sonora). L’incasso della serata inaugurale sarà devoluto a FoRFE – Fondo RicostruiAMO Ferrara per la cultura. Continua a leggere

Centro storico, fondi per la riqualificazione

da Estense.com del 27 giugno 2012

Metà della somma di 109mila euro alle associazioni temporanee d’impresa che hanno sostenuto le spese

La collaborazione tra Comune e operatori economici frutta nuovi finanziamenti per la riqualificazione e la valorizzazione del centro storico. Ferrara si è infatti posizionata ai primi posti della graduatoria provinciale per l’assegnazione dei contributi della legge regionale 41/97, ricevendo uno stanziamento complessivo di 108.900 euro.

Il 50% della somma sarà trasferita agli operatori riuniti nelle due Associazioni temporanee di impresa ‘Ferrara in centro’ e ‘Consorzio Sviluppo e Commercio’ che hanno partecipato nei mesi scorsi al bando assieme all’Amministrazione comunale e hanno sostenuto spese di commercializzazione e riqualificazione per un ammontare complessivo di oltre un milione 700mila euro.

Il restante 50% dei contributi andrà invece a rifondere una parte degli interventi candidati dall’Amministrazione comunale all’assegnazione dei fondi e mirati alla valorizzazione degli spazi urbani per una spesa di oltre 306mila euro. Tra questi figurano la riqualificazione di via Ragno e il rifacimento degli impianti di illuminazione pubblica di via Ghiara.